Condividi su facebook
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su print

Le parole sono importanti. Come scegliere le keyword più adatte sul tuo sito web

Condividi su facebook
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su print

Scegliere le parole chiave giuste per il tuo contenuto è la parte più importante quando si tratta di attrarre traffico organico al tuo sito web. Pronto per iniziare? Ecco come puoi scegliere le parole chiave giuste per i tuoi contenuti in sei semplici passi.

Inizia con la ricerca delle parole chiave

Qualsiasi compito relativo alle parole chiave inizia con un’attività fondamentale: la ricerca delle parole chiave.

Cos’è una parola chiave?

In termini di SEO, le parole chiave sono le parole e le frasi che gli utenti inseriscono nei motori di ricerca.

Per quelli con un budget di marketing considerevole, ha senso commissionare ad un’agenzia di digital marketing la ricerca delle parole chiave. I professionisti SEO fanno la ricerca delle parole chiave giorno dopo giorno e usano software costosi per ottenere informazioni più tecniche.

Semrush, Ahrefs e Majestic sono tutti ottimi strumenti per condurre la ricerca delle parole chiave, ma possono essere costosi. Qualsiasi agenzia degna di questo nome inizierà ogni campagna con una fase di ricerca delle parole chiave dedicata.

Pensa all’intento di ricerca

Mentre fai la tua ricerca di parole chiave, è importante pensare all’intento di ricerca dietro ogni query. Le agenzie che si occupano anche di SEO, a volte dividono le parole chiave in diverse categorie: navigazione, informazione e transazione sono tre esempi comuni.

Una parola chiave di navigazione è quella che un ricercatore digita su Google o su un altro motore di ricerca per navigare verso una pagina web. Per esempio, potrebbe digitare “Facebook” su Google per raggiungere facebook.com.

Una parola chiave informativa è quella che un ricercatore usa su Google per trovare un’informazione specifica. Potrebbe digitare “chi possiede Facebook?” su Google se in qualche modo non ha mai sentito parlare di Mark Zuckerberg prima.

Infine, una parola chiave transazionale o commerciale è quella che suggerisce che il ricercatore vuole fare un acquisto. Parole come “comprare” sono forti indicatori di intento commerciale.

L’intento di ricerca è una parte importante della ricerca delle parole chiave, perché ti permette di pianificare il tuo contenuto in modo tale che soddisfi le esigenze dei tuoi utenti.

Pianifica il viaggio del tuo acquirente

Pensate al tipico viaggio che porta un potenziale cliente dal sentire parlare del vostro prodotto al fare il suo primo acquisto.

Per molte aziende, specialmente quelle che vendono articoli di alto valore, la maggior parte delle persone non farà un acquisto la prima volta che sente parlare del tuo sito web.

Invece, potrebbero passare attraverso una serie di fasi diverse, come la consapevolezza, la considerazione e la decisione. Nel gergo del marketing, questo è conosciuto come customer journey.

La consapevolezza è quando un potenziale cliente si rende conto di avere un problema. I potenziali clienti nella fase di consapevolezza possono anche non avere un nome per il loro problema – sono solo consapevoli che il loro problema esiste.

Durante la fase di considerazione, il potenziale cliente inizia a dare un nome al suo problema e a cercare possibili soluzioni.

La fase finale è quella della decisione. Quando un potenziale cliente prende una lunga lista di possibili soluzioni e decide una linea d’azione. Come marketer, speriamo che il cliente scelga di comprare il nostro prodotto piuttosto che uno dei nostri concorrenti!

Quando si pianificano i contenuti, è utile pensare al proprio lettore target e alla sua fase nel customer journey.

Analizzare il livello di concorrenza

Quando si fa la ricerca delle parole chiave, è importante prestare attenzione alla concorrenza per la tua keyword di destinazione. Il modo più semplice per analizzare la concorrenza per una determinata parola chiave è quello di mettere la tua parola chiave su Google o in un altro motore di ricerca e vedere cosa viene fuori.

La prima cosa da cercare sono gli annunci. Su Google, questi sono marcati con il tag “Ad” o il tag “Sponsored”. Google mostrerà sempre gli annunci a pagamento sopra gli altri risultati, quindi vale la pena valutare il panorama degli annunci prima di impegnarsi a creare un contenuto.

La seconda cosa da guardare sono i siti web che appaiono organicamente nella prima pagina di Google per la vostra parola chiave di destinazione. Questa pagina è dominata da brand con enormi budget di marketing? Se è così, è improbabile che tu prenda il primo posto con il tuo primissimo post sul blog.

Infine, dai un’occhiata ai risultati stessi. Il contenuto è battibile? In altre parole, puoi creare un contenuto che il ricercatore medio troverà più utile del contenuto attualmente al primo posto?

I contenuti deboli sono spesso brevi, mal formattati e privi di dettagli chiave. Puoi rivendicare le prime posizioni soddisfacendo i bisogni del ricercatore in modo più completo rispetto alla concorrenza.

Pensa al formato del contenuto

Considera se il tuo contenuto si esprime meglio con grafici, elenchi, tabelle, diagrammi, mappe, infografiche, molte immagini o poche. Puoi usare uno strumento come Buzzsumo per aiutarti a identificare i formati di contenuto più performanti in un dato settore.

Mappare ogni parola chiave ad una pagina specifica del tuo sito web

Il passo finale del processo è la mappatura di ogni parola chiave ad una pagina specifica del tuo sito web. Il modo migliore per mantenere le idee organizzate è attraverso un semplice programma di contenuti.

Usare un content schedule, ovvero un piano editoriale

Usare un content schedule è importante per due ragioni principali:

  • ti permette di essere organizzato durante una lunga campagna marketing
  • può impedirti di puntare alla stessa parola chiave su due diverse pagine del tuo sito web.

Per quanto riguarda il punto due, è importante ricordare che i siti web non si classificano, le pagine web sì.

In generale, è una buona idea assicurarsi che le vostre pagine web mirino ciascuna a parole chiave diverse.

Di solito, vorrete che le vostre pagine di prodotti e servizi mirino a parole chiave con molto intento commerciale. I post del blog, d’altra parte, possono mirare a parole chiave informative. Cercate di evitare di puntare alla stessa parola chiave in due (o più) posti diversi sul vostro sito web.

Vuoi posizionare il tuo sito su Google e farti trovare per determinate parole chiave? Richiedi una consulenza!

Ti è piaciuto questo articolo? Condividi
Le parole sono importanti. Come scegliere le keyword più adatte sul tuo sito web
Condividi su facebook
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su print

Altri articoli dal nostro Blog

Scegli GAUDiBiLiA come giusta Agenzia per il tuo Business.