La Top 3 dei Peggiori Progetti nella Digital Transformation-min
Condividi su facebook
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su print

La Top 3 dei Peggiori Progetti nella Digital Transformation

Condividi su facebook
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su print

Il 70% delle aziende che avvia un progetto di digital transformation fallisce. E anche se la maggior parte sa quanto sia cruciale evolvere con la tecnologia e creare processi e soluzioni digitali, metterlo in pratica è una storia diversa.

Molte aziende si sono impegnate e hanno fallito, senza capire cosa è andato storto. Questo articolo può fornire le linee guida delle cose da evitare e può indicare le future trasformazioni digitali su cui puntare.

Qui abbiamo parlato dei vantaggi della digital transformation.

 

Digital transformation, le linee guida per fare bene

 

  • La maggior parte degli sforzi nell’ambito della digital transformation incontra dei blocchi e fallisce al primo ostacolo
  • GE ha creato una nuova business unit digitale, ma si è concentrata sulle dimensioni invece che sulla qualità
  • Ford ha avviato un nuovo servizio digitale separato dal resto dell’azienda, invece di integrare le soluzioni digitali
  • Procter & Gamble non ha considerato la concorrenza o l’imminente crollo economico
  • Questi passi falsi possono segnare il destino della trasformazione digitale, ma tutte e tre le aziende sono riuscite a riprovarci con maggiore successo.

È importante notare che anche se queste aziende hanno fallito nei loro sforzi iniziali, sono state in grado di fare aggiustamenti per avere successo in futuro. Una trasformazione digitale fallita non significa la fine definitiva di un’azienda, ma può essere incredibilmente costosa in denaro, risorse, tempo e credibilità persi.

 

GE

Nel 2011, GE ha iniziato ad affermarsi nello spazio del software digitale costruendo un’enorme piattaforma IoT, aggiungendo sensori ai prodotti e trasformando i suoi modelli di business per i prodotti industriali.

Ha fatto il passo successivo nel 2015, quando ha creato una nuova unità di business chiamata GE Digital. L’obiettivo era quello di sfruttare i dati per trasformare GE in una potenza tecnologica. Nonostante il versamento di miliardi di dollari in GE Digital e le sue migliaia di dipendenti, il prezzo delle azioni della società ha continuato a scendere e altri prodotti hanno sofferto.

GE Digital si è rapidamente bloccata nel modello di dover riferire i guadagni agli azionisti, concentrata più sugli obiettivi a breve termine e sui guadagni che sugli obiettivi innovativi a lungo termine e sui ritorni. Il CEO fu presto costretto a lasciare l’azienda.

 

Lezione: Concentrarsi sulla qualità, non sulla quantità. GE ha cercato di fare troppo senza un vero focus strategico in nessuna area. L’azienda era semplicemente troppo grande per trasformare tutto in una volta, soprattutto senza una vera visione di ciò che stava cercando di raggiungere. La digital transformation riesce spesso meglio se fatta con un piccolo gruppo di persone appassionate che guidano l’azienda.

 

Ford

Nel 2014, la casa automobilistica americana Ford ha tentato la digital transformation creando un nuovo segmento chiamato Ford Smart Mobility. L’obiettivo era quello di costruire auto abilitate digitalmente con una maggiore mobilità.

I problemi sono sorti quando il nuovo segmento non era integrato nel resto della Ford. Non solo aveva una sede lontana dal resto dell’azienda, ma era visto come un’entità separata senza coesione con le altre unità di business.

Mentre Ford scaricava enormi quantità di denaro nella sua nuova impresa, si trovò ad affrontare problemi di qualità in altre aree dell’azienda. Il prezzo delle azioni di Ford è sceso drammaticamente e il CEO si è dimesso qualche anno dopo.

 

Lezione: Integrare gli sforzi di digital transformation con il resto dell’azienda. In questo caso, la trasformazione digitale è stata meno una trasformazione vera e propria e più un perno in una nuova area di business. Per avere successo, la trasformazione digitale deve essere integrata nell’azienda.

 

Procter & Gamble

Nel 2012, il gigante dei beni di consumo confezionati Procter & Gamble ha deciso di diventare “l’azienda più digitale del pianeta”. Il suo ampio obiettivo ha portato ad ampie iniziative che mancavano di scopo, affrontando problemi fin dall’inizio. Al CEO fu presto chiesto di dimettersi dal consiglio di amministrazione.

 

Lezione: Osservare e studiare la concorrenza. Il ritorno sull’investimento per una digital transformation diffusa e costosa era ridotto, specialmente con i segni di un’economia in bilico. P&G probabilmente avrebbe potuto avere più successo se si fosse concentrata su sforzi digitali più piccoli più mirati ai suoi prodotti e processi esistenti. Non è riuscita a guardare cosa stava succedendo nel settore per vedere che era già avanti rispetto ai concorrenti. Trasformare solo per farlo non è efficace. Bisogna considerare tutti i fattori esterni e avere una strategia, prima di migrare nel mercato digitale.

La digital transformation è un’impresa complicata e rischiosa. Se fatta correttamente, può portare a risultati sorprendenti per il futuro, ma se fatta male può essere estremamente costosa e imbarazzante per l’azienda. Queste trasformazioni fallite mostrano passi falsi comuni, ma le aziende dietro di esse dimostrano che il fallimento non è la fine della strada e che la trasformazione digitale di successo è possibile.

 

Anche tu vuoi avviare il tuo progetto di digital transformation? Contattaci per una consulenza!

La Top 3 dei Peggiori Progetti nella Digital Transformation-min
Ti è piaciuto questo articolo? Condividi
La Top 3 dei Peggiori Progetti nella Digital Transformation
Condividi su facebook
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su print

Altri articoli dal nostro Blog

Scegli GAUDiBiLiA come giusta Agenzia per il tuo Business.