Condividi su facebook
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su print

Marketing strategico, come posizionarsi su Google nell’era del digitale

Condividi su facebook
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su print

Nell’era digitale si parla sempre più spesso di marketing strategico, ovvero di quel processo interno alle aziende che permette di essere competitivi nel raggiungimento di obiettivi sul lungo termine. Ma di cosa si tratta esattamente e come può il marketing strategico diventare la chiave di volta per posizionarsi su Google e far decollare il proprio business, qualunque esso sia? Vediamolo insieme!

Cos’è il marketing strategico

Il marketing strategico si colloca all’interno di uno specifico percorso decisionale che parte dall’analisi dei bisogni del consumatore per individuare i punti chiave che permettono un reale sviluppo del business e le modalità con cui raggiungerlo. In un certo senso, il marketing strategico orienta le strategie di business dell’azienda verso i segmenti di mercato più promettenti e adatti per raggiungere la crescita. Il marketing strategico non viene messo in atto solo nella parte iniziale di una strategia, ma consiste anche nella raccolta e nello studio dei dati derivati dalle campagne di marketing, che possono essere implementate anche in corso d’opera.

Perché fare marketing strategico

Le attività di marketing strategico sono necessarie per qualsiasi tipo di azienda, non solo per quelle di grandi dimensioni, infatti un piano di comunicazione è indispensabile per qualsiasi attività e per qualsiasi tipo di mercato. Una volta definiti i messaggi e gli obiettivi di marketing, infatti, si potrà avanzare una proposta che spieghi perché i clienti dovrebbero scegliere la nostra azienda piuttosto che un’altra, quali sono i vantaggi che ne derivano, qual è il problema che risolveranno e la ragione per cui la nostra azienda è la soluzione giusta.

Quali sono i punti di forza e di debolezza

Prima di cominciare potrebbe essere utile entrare nel vivo di come viene percepita all’esterno l’azienda e in cosa è diversa rispetto alla concorrenza. L’analisi SWOT (Strenght, Weakeness, Opportunity, Threaths), ovvero l’analisi dei punti di forza e di debolezza, ci permette di avere una visione d’insieme e di capire su cosa siamo forti e su cosa è il caso di intervenire (vedi l’articolo sulla Unique Selling Proposition, la proposta di valore unico con cui presentarti al tuo pubblico).

Qual è il target di riferimento

Conoscere il target significa prevedere e anticipare i suoi desideri e individuare cosa l’azienda può fare per soddisfarli. Bisogna quindi considerare i segmenti specifici e quindi età demografica, sesso, famiglia, reddito e stile di vita. Nel caso del B2B, invece, bisogna definire settore industriale, tecnologia e livello di innovazione. Creare un profilo del proprio target permette di avere chiari gli obiettivi e di misurarli con cognizione di causa.

Quali sono gli obiettivi

I KPI di marketing non dovrebbero essere troppi, ma dovrebbero essere SMART, ovvero specifici, misurabili, realizzabili, pertinenti e vincolati nel tempo. Conoscere i numeri di lead, vendite, entrate e profitti è indispensabile per ogni business, perché consente di fare dei piani per il futuro: in che direzione sta andando l’azienda e quali sono le reali opportunità da cogliere? Sicuramente il marketing digitale aiuta a migliorare la consapevolezza e la presenza dell’attività sul mercato grazie a dispositivi mobili, social media e motori di ricerca.

Com’è strutturata la customer journey

La customer journey è la mappa del percorso che il consumatore fa quando effettua un acquisto e di solito viene monitorata per identificare i punti deboli e i punti di forza del viaggio che un prodotto o un servizio compie per arrivare fino al suo pubblico. In modo del tutto naturale, dopo aver costruito la customer journey, il cliente con il suo comportamento ci aiuta a capire com’è andato il suo viaggio, per questo creare un piano di marketing senza una customer journey rende vana ogni attività di marketing strategico.

Come creare un piano strategico che funzioni

Ogni piano strategico che si rispetti deve necessariamente coinvolgere l’intero team aziendale, proprio per il contributo che ogni risorsa può dare al progetto e per capirne appieno la fattibilità. Fissare i tempi di scadenza e identificare eventuali criticità sono due dei principali consigli che ci sentiamo di darvi. È importante anche definire il budget da stanziare alla comunicazione, il che include la parte di media tradizionali come i giornali, la televisione e gli eventi, e la parte digitale come le campagne online, i social media, il sito web, il blog o gli influencer. La strategia di marketing digitale ha sempre come obiettivo quello di massimizzare le vendite, ma spesso non tutte le attività di marketing rientrano nel budget disponibile. Il margine generato dalle vendite indica quanto dovrebbe essere speso per la comunicazione di marketing.

Marketing strategico è importante perché…

La prima funzione del marketing strategico è quella di aumentare i profitti dell’investimento, il che è possibile solo adottando una strategia di digital marketing che coinvolge ogni aspetto di vendita. Questo serve per tenere sempre a mente valori e obiettivi, ma soprattutto colui che stabilisce o meno il nostro successo, il cliente.

Come possiamo aiutarti a pianificare la giusta strategia di marketing

Fare marketing strategico significa stare continuamente al passo coi tempi, dal momento che abbiamo a che fare con qualcosa che è in continuo mutamento. Restare indietro può avere drammatiche conseguenze sui profitti, ma avere una strategia può evitare che questo accada. Purtroppo, o per fortuna, non tutte le aziende hanno una strategia di marketing pianificata a tavolino con tutto il team e con i consulenti di marketing, ma averla è indispensabile per fare la differenza. Ogni imprenditore deve avere sotto mano la situazione della sua azienda e solo con un piano di marketing strategico può tenere sotto controllo il suo business e migliorarlo in modo consapevole. Sì, hai capito bene. Il successo della tua azienda può dipendere anche dalla pianificazione del marketing. Pianificare significa farsi trovare dai clienti in modo naturale. Se non hai gli strumenti per riuscirci da solo, possiamo aiutarti a muovere i primi passi nella direzione giusta e risparmiarti uno o più flop. Sei pronto?

Ti è piaciuto questo articolo? Condividi
Marketing strategico, come posizionarsi su Google nell’era del digitale
Condividi su facebook
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su print

Altri articoli dal nostro Blog

Scegli GAUDiBiLiA come giusta Agenzia per il tuo Business.